Se i tuoi peccati raggiungessero le nuvole del cielo

Anas, che Allah sia soddisfatto di lui, disse:

«Ho udito l’Inviato di Allah, sallaLlahu ‘alayhi wa sallam, che diceva: “Allah, sia Egli esaltato, ha detto:

‘O figlio di Adamo, finché tu Mi invochi e Mi supplichi, ti perdonerò per ciò che proviene da te e non ne terrò conto. O figlio di Adamo, se i tuoi peccati raggiungessero le nuvole del cielo poi Mi chiedessi di perdonarti, ti perdonerei. O figlio di Adamo, se tu venissi da Me con peccati della grandezza della Terra poi M’incontrassi senza associarMi nulla, verrei da te con un perdono altrettanto grande’”».

Lo ha trasmesso Tirmidhî (e così Ahmad ibn Hanbal) con una catena autentica di trasmettitori.

Tradotto da Umm Sumeyya
www.alghurabaa-magazine.com

 

Umm Sumeyya

Sono Aisha, musulmana italiana, 15 anni. Appassionata di scrittura e fotografia, sognatrice e fantasiosa, amo ideare progetti per l'Islam e la comunità musulmana e realizzarli. Sono sempre in compagnia della mia inseparabile penna per annotare pensieri su carta appena mi vengono in mente. Gestisco la sezione giovanile del sito insieme alle altre Fatayat. Leggi anche un altro mio articolo: Caro diario, farò sentire la mia voce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *