Brioche chinois alla crema pasticcera

La brioche chinois, meglio nota in Italia come torta cinese, è in realtà un dolce proveniente dalla Germania e il cui nome tedesco Schneckenkuchen, pur sembrando un nome difficilissimo e impronunciabile (il ché per chi non parla tedesco è assolutamente vero…) significa “torta di chiocciole”. Infatti la brioche chinois si presenta come un dolce formato da diverse spirali accostate che ricordano tante conchiglie di lumache.

Si racconta che uno dei suoi primi importatori in Francia non sapeva una parola di tedesco e quando si faceva consegnare i dolci, il fornitore glieli presentava sotto il nome di Schneckenkuchen. Essendo il nome difficile da pronunciare, l’importatore rispose: “In ogni modo, per me è cinese” ossia chinois, e il termine sarebbe restato allora per designare questo buonissimo dolce alla crema pasticcera.

Non saprei quanto questa storia possa essere vera; ma so che queste brioche chinois sono più che vere (alhamduliLlah!!) e hanno un aspetto molto invitante! Forse non si tratta di una ricetta molto dietetica, ma ogni tanto, quando si hanno invitati ad esempio, è bello sfoggiare questo dolce a lumachine…

Quando la sorella Umm Abd Allah mi ha passato la sua ricetta, mi è piaciuta così tanto che le ho chiesto il permesso di tradurla in italiano e condividerla sul nostro Magazine ma shaa Allah.

E adesso vediamo in cosa consiste la ricetta dei buonissimi sknkukn ehm… sì, volevo dire Schneckenkuchen!!!

Ingrendienti

Per la torta:
250 grammi di farina
2 uova
60 ml panna liquida
60 grammi di burro
1/2 bustina di lievito
30 grammi zucchero
1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera:
 500 ml di latte intero
1 baccello di vaniglia
100 grammi di zucchero semolato
6 tuorli d’uovo
40 grammi di farina di mais
50 grammi di burro

Decorazione:
50 grammi di gocce di cioccolato
Glassa (facoltativo)
  80 grammi di zucchero
160 grammi di acqua

 

Procedimento

Preparare la pasta brioche:
Mescolare con un robot da cucina la farina, le uova, lo zucchero, il lievito, il sale e la panna (separare il sale e il lievito che non dovrebbero essere in contatto).
Impastare per 2-3 minuti, poi aggiungere il burro ammorbidito a poco a poco.
Continuare ad impastare dieci minuti fino a quando l’impasto si stacca dalle pareti. Fare una palla, coprire con un panno e lasciar lievitare 2 ore.

Crema pasticcera:
Far bollire il latte con i semi e il baccello di vaniglia. Nel frattempo in una ciotola mescolare bene lo zucchero, i tuorli d’uovo e farina di granturco. Versare il latte bollente in questa preparazione, mescolare e poi riscaldare fino a quando non si addensa. Aggiungere il burro a parte e mettere la crema in una teglia coperta con pellicola trasparente. Lasciar raffreddare e aggiungere le gocce di cioccolato.

Preparazione:
Posare la pasta brioche in un rettangolo di circa 40x25cm, poi spalmare una strato della crema lasciando un piccolo margine di 1 a 2 cm sul bordo.
Stendere la pasta in una salsiccia e tagliare in 8 fette.
Disporre le fette in una teglia unta e infarinata di 24 centimetri di diametro intorno e una al centro.
Lasciate lievitare circa 30 minuti (fino a quando i bordi sono ben incollati insieme) e cuocere in forno a 170 ° per 15 minuti (a modalità forno ventilato se possibile).

Una volta fuori dal forno lasciate raffreddare. Nel frattempo far bollire l’acqua e lo zucchero per fare uno sciroppo che cospargerete sulle brioche. Terminate decorando con glassa se si desidera.

_______

E ora buon appetito in shaa Allah, che Allah benedica il vostro cibo!

Ricetta e foto di Umm Abd Allah
Traduzione e introduzione di Umm Sumeyya

www.alghurabaa-magazine.com

Se vuoi continuare a seguirci clicca qui !

Umm Sumeyya

Sono Aisha, musulmana italiana, 15 anni. Appassionata di scrittura e fotografia, sognatrice e fantasiosa, amo ideare progetti per l'Islam e la comunità musulmana e realizzarli. Sono sempre in compagnia della mia inseparabile penna per annotare pensieri su carta appena mi vengono in mente. Gestisco la sezione giovanile del sito insieme alle altre Fatayat. Leggi anche un altro mio articolo: Caro diario, farò sentire la mia voce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *