Muslims hipsters: l’hijab con stile?

Qualche giorno fa mi sono imbattuta nel blog di un’esperta di moda internazionale che raccontava un nuovo “fenomeno” e cioè quello delle “muslims hipsters“, si parlava cioè di donne che portano l’hijab “con stile”. La scrittrice parla di “ragazze musulmane sotto i 30 anni, appassionate di fashion, occhiali da sole abbondanti, rossetto aranciato, mani e trucco curato ed un eleganza da far invidia alle normali hipsters italiane. E poi l’hijab, abbinato in modo minuzioso a tutti i particolari per completare l’outfit”. Giustamente è la stessa blogger a notare che “non stiamo parlando di religione, si parla di stili di vita”.

E così il hijab entra a far parte di quello che è uno stile di “vita alla moda”: cibi biologici possibilmente vegani, cosmesi verde, passione per l’artigianato e il fatto a mano e… look alternativo, ovviamente.
E diventa, il hijab, l’accessorio “vintage” da abbinare agli occhiali e alla borsetta.
D’altra parte è davvero trendy e coraggioso, in momenti come questo, indossare un hijab: solo una ragazza davvero “alternativa” può avere il coraggio di farlo, no? Poco importa che sia musulmana, il messaggio può essere un altro, un po’ come quando Janis Joplin provava a cantare da nera pur essendo una bianca. Ma cosa c’entra con l’islam?
Elhamdulilleh ci sono ragazze anche sotto i 20 anni che si accorgono del paradosso, non tutte le giovani, evidentemente, si fanno affascinare dalle mode e mettono le “nuove tendenze” al primo posto.

Si fa chiamare “Nur ala Nur” (Luce su Luce) ed è una ragazza musulmana come tante altre. Conosce la sua religione e osserva:

Se un musulmano che prega decidesse di scegliere da sé il numero di raka’at da eseguire verrebbe certamente ammonito, in quanto non spetta a noi cambiare le legislature della nostra religione.
Eppure ci sono sorelle che indossano il velo rispettando i loro gusti ed ignorano il hijab legiferato dal nostro Signore.
Hanno introdotto filosofie e pensieri che non hanno alcun senso, “si può essere coperte e fashion”, “modeste ed eleganti”, che contraddicono la vera essenza del hijab.
Il hijab, quello vero, quello islamico, dovrebbe avvolgere la donna coprendo le sue bellezze, e proteggerla dagli sguardi indesiderati; ma oggi vediamo “hijabi” più attraenti di ragazze in semplice jeans e maglietta, ragazze musulmane che fanno invidia a fashion bloggers, truccate e vestite si lasciano ammirare da miliardi di occhi ed autorizzano commenti peccaminosi sdrammatizzati da un “Ma Sha ALLAH “.
Tutto questo è alquanto triste, che fine ha fatto la vostra modestia? Cosa ci differenzia dalle miscredenti? Che fine ha fatto il vostro timore di ALLAH? Se la vostra scelta era per compiacere DIO perché non seguite le regole dettate da Lui? Vi credete migliori e più sagge del Creatore?
Indossare un fazzoletto in testa non basta, il hijab va rispettato e vanno seguiti i canoni richiesti, ritornate ad ALLAH e cambiate, prima che sia troppo tardi. Fee Amanillah.
Nur ala Nur

Un pensiero riguardo “Muslims hipsters: l’hijab con stile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *