La Battaglia dei Brufoli, 5 regole per vincerla!

Spuntano sul nostro viso come le stelle nel cielo la notte, ma non sono così belli. È un indovinello molto poetico, ma sono sicura che avrai già indovinato.

Sono i brufoli, che tutte noi incontriamo almeno una volta nella vita. Fa un po’ paura svegliarsi la mattina, o guardarsi allo specchio il pomeriggio, e rendersi conto di avere il viso pieno di foruncoli rossi che danno abbastanza fastidio e che a volte viene voglia di grattare via. E se ci proviamo, abbiamo istantaneamente la sensazione di esserci liberate da un grosso peso e ci diciamo: “Finalmente ci sono riuscita!”, ma il momentaneo trionfo finisce quando il giorno dopo il brufolo è ancora lì ed è ancora più rosso.

Quella contro i brufoli può sembrare una guerra in cui le svantaggiate siamo sempre noi, soprattutto nell’adolescenza (e soprattutto quando usciamo con la fronte sgraffignata simile ad un cielo notturno, a parte la poesia). Ma ci sono alcune considerazioni che ci possono aiutare a vincere questa battaglia e a uscirne immuni e trionfanti. Ecco delle dritte frutto della mia (pur modesta) esperienza che ho voluto condividere per AG Magazine.

Regola n° 1: Non ti toccare. È la regola tanto ribadita: che sia per contare il numero di nemici da sconfiggere, o per schiacciarne uno pensando così che finisca tutto lì, o per grattarti perché – diciamocelo – sono fastidiosi, la regola che è vietato trasgredire (e che molte di noi – spesso pure io, ma non lo dite a nessuno! – infrangono deliberatamente per la gioia di grattar via i nemici) è questa: don’t touch!

Regola n° 2: I brufoli si propagano sulle pelli grasse, va da sé che è quindi vietato usare sostanze grasse per combatterli. Quindi no a oli vegetali, anche se provenienti da una pianta con proprietà cicatrizzanti indiscutibili. Preferisci gli idrolati, che idratano e illuminano la pelle. Attenta agli oli essenziali: sul viso rischiano di causare reazioni allergiche. In ogni caso, prova ogni prodotto che utilizzerai spalmandolo prima nella parte interna del gomito, per evitare spiacevoli sorprese.

Regola n° 3: Dieta varia, ricca di verdure bollite, evitando quanto più possibile olio, frittura, formaggi, burro, cioccolato… ovviamente non propongo un abbandono totale dei suddetti alimenti – chi di noi ce la farebbe? – ma una moderazione e una preferenza per cibi sani e non contenenti grassi: quindi via libera ai legumi, agli ortaggi e all’insalata. Qui sul Magazine pubblichiamo per la rubrica Halal Health anche ricette dietetiche, fresche e salutari. Dai uno sguardo…

Regola n° 4: Curati con prodotti di origini naturali e non dare fiducia alle creme che promettono effetti meravigliosi, quando non si sa nemmeno cosa c’è dentro e se giri il barattoli troverai un sacco di diciture complicate in una lingua scientifica mista tra il latino e l’inglese. Se sai riconoscere la nomenclatura dell’INCI (l’etichetta degli ingredienti cosmetici) saprai anche distinguere le buone creme, ma se proprio non capisci nulla dei complicato geroglifici – il ché è assolutamente normale – ti consiglio di evitare. In compenso, ci sono molti rimedi naturali che sono facilissimi da trovare e hanno ingredienti sicuri. Ad esempio:
– Gli idrolati di amamelide, rosmarino, camomilla e lavanda, oltre al profumo, sono rinfrescanti e hanno un effetto calmante e cicatrizzante se applicati con regolarità. Puoi comprarli online: qui l’amamelide, qui il rosmarino, qui la camomilla e qui la lavanda.
– L’acqua di rose, vero e proprio elisir di bellezza, illumina, deterge ed ha una funzione lenitiva sulla pelle. Si può auto produrre con un metodo che è spiegato qui, o se vuoi puoi ordinarlo in questo sito.
– L’aloe vera è una pianta grassa nelle cui foglie carnose è racchiuso un gel che vanta innumerevoli proprietà. Se hai una pianta, recidi una bella foglia nel periodo vegetativo ed estrai il gel contenuto all’interno e applica al mattino presto e alla sera prima di andare a dormire. Il gel estratto direttamente dalla pianta può durare al massimo tre giorni, anche se inserisci il conservante perché è soggetto a ossidazione. Puoi comunque acquistare un gel di aole puro in questo link.
– Un’altra arma miracolosa è la maschera al ghassul: puoi comprarlo qui. Il ghassul è un’argilla e applicata sul viso si secca cicatrizzando i brufoli e i punti neri. Ovviamente dopo va risciacquato, ma nel frattempo ha esercitato la sua azione purificatrice sulla pelle grassa.
– Una soluzione particolarmente efficace – e profumata – è la classica maschera con argilla verde e tea tree. Più info qui.

Regola n° 5: Non dimenticare che i du’a vanno bene per qualsiasi occasione, anche una “banale” come quella dei brufoli! E abbi pazienza, non lamentarti e non farne un’ossessione, poiché ogni male che può capitarti – anche se fosse la puntura di una spina – è una purificazione dai peccati, se lo prendi nel modo giusto!

E tu cosa ne pensi? Hai tattiche per combattere i brufoli?
Dimmi la tua nei commenti!

A cura di Aisha Umm Sumeyya
www.alghurabaa-magazine.com
Unisciti a noi !

Umm Sumeyya

Sono Aisha, musulmana italiana, 15 anni. Appassionata di scrittura e fotografia, sognatrice e fantasiosa, amo ideare progetti per l'Islam e la comunità musulmana e realizzarli. Sono sempre in compagnia della mia inseparabile penna per annotare pensieri su carta appena mi vengono in mente. Gestisco la sezione giovanile del sito insieme alle altre Fatayat. Leggi anche un altro mio articolo: Caro diario, farò sentire la mia voce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *