Ka’k algerino

In Algeria sono diffusi vari tipi di dolci che chiamati ka’k, termine che dovrebbe corrispondere all’inglese “cake”.

Si tratta di ricette di dolci in genere molto semplici che le infaticabili donne algerine preparano per la colazione o la merenda ai propri figli tutti i giorni o giù di lì.

Ingredienti : per 35 ka’k

1 kg di farina
250 ml di olio
250 gr di zucchero
250 ml di latte
250 ml di acqua
2 cucchiai di lievito secco
25 gr di burro
1 uovo
3 cucchiai di latte in polvere
1 sacchetto piccolo di lievito chimico
buccia di 1 arancia
buccia di 2 limoni
1 cucchiaio di polvere vanigliata
1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio
2 cucchiai di semi di anice
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di trifoglio dolce

Tempo di preparazione: 15 minuti.
Tempo di cottura: 35 minuti.
Totale: 50 minuti

Preparazione:

Mettere il lievito secco in un contenitore con un po’ di acqua calda e un cucchiaino di zucchero, lasciar agire 15 minuti.

In una pentola mettere l’acqua a bollire e fare un infuso di semi di anice e trifoglio dolce per 10 minuti, aggiungere l’estratto d’acqua di fiori d’arancio.

Riscaldare il latte, farvi sciogliere lo zucchero e il latte in polvere, aggiungere il burro, sbattere bene, togliere dal fuoco e aggiungere l’uovo sbattuto.

In un contenitore mettere la farina, i semi di anice e sesamo, la vaniglia e l’olio e mescolare il tutto durante 10 minuti a velocità media. Aggiungere il lievito chimico.

Mettere il latte e un po’ d’acqua. Ammassare durante quasi una mezz’ora, si ottiene una pasta molle e appiccicosa.

Aggiungere la buccia degli agrumi, mettere nel forno e il ka’k è pronto!

Fonte: AuxDelicesDuPalais

Trad. Umm Sumeyya
Img. Umm Muhammed el Mahdi
www.alghurabaa-magazine.com
Unisciti a noi !

Umm Sumeyya

Sono Aisha, musulmana italiana, 15 anni. Appassionata di scrittura e fotografia, sognatrice e fantasiosa, amo ideare progetti per l'Islam e la comunità musulmana e realizzarli. Sono sempre in compagnia della mia inseparabile penna per annotare pensieri su carta appena mi vengono in mente. Gestisco la sezione giovanile del sito insieme alle altre Fatayat. Leggi anche un altro mio articolo: Caro diario, farò sentire la mia voce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *