Attraversare i confini del macrosistema (per trovare l’islam)

Una transizione ecologica importante, così l’avrebbe definita Brofenbrenner, un attraversamento di confini da un macrosistema ad un altro: noi lo chiamiamo RITORNO (all’Islam).
Oggi, in queste società multiculturali, plurilingue, in questi mondi che – si vorrebbero – sempre più “liquidi” (Baumann), diventa sempre più facile, più diffuso, attraversare i confini del proprio macrosistema.
Ma spesso si tratta di varcare un recinto per uscirne subito fuori, ed entrare dentro un altro, senza farne un’esperienza davvero significativa.
Io l’ho fatto per anni, convinta nel mio obiettivo di “accumulare esperienze”, riempirmi di vissuti, provare tanti mondi, tanti modi..
Forse, c’è un macrosistema dentro di noi, che aspetta invece di essere scoperto. Dentro, racchiude la nostra anima.
E credo, non è solo per chi, nato cristiano, buddista o zoroastriano, o nulla, diventa musulmano.
Questo macrosistema, un involucro che protegge la nostra fitrah, il senso naturale della nostra spiritualità, deve essere attraversato da tutti, anche da chi nasce in una famiglia musulmana.
E’ necessario questo scavalcamento, questo superare i confini, per essere certi che quello che si sta seguendo, è il cammino autentico.

La verità è dentro di noi, basta guardarci con onestà allo specchio, e da lì, partire, per avviarci in un percorso di CONOSCENZA. Solo se siamo sinceri con noi stessi, buttando giù tutte le maschere, possiamo apprestarci ad usare gli strumenti che il nostro Creatore ci ha messo a disposizione, per conoscere il CONOSCIBILE di questi mondi dentro e fuori di noi. Al hamduliLlah, che grande occasione, questa vita.
Masha’a Llah, che dono grande ci ha fatto ALlah: tutto, attorno a noi, dalla realtà che percepiamo coi sensi, alle teorie e filosofie prodotte dal pensiero umano, diventano dei SEGNI – ayat – della Sua esistenza, e della esistenza di una Verità universale.
Se pensiamo che tutti questi mondi, queste culture, lingue, costumi, colori (della pelle, dei cibi, dei vestiti, della natura) tutti sono macro e micro sistemi che possono risvegliare in noi lo stimolo per la scoperta di ciò che siamo, come esseri umani e come creature di Allah…. non ci sentiamo sollevati, pieni, soddisfatti e desiderosi di avvicinarci a Lui ancora di più???
SubhanaLlah, per me è così, e sono contenta e chiedo ad Allah di aiutarmi a proseguire in questo cammino, a non smarrirmi, e a sostenermi nel continuo superamento di macrosistemi, perché ogni volta che arriviamo ad una destinazione, emerge la tentazione, l’illusione, di considerarla la mèta finale.. ma così non è. Ogni volta che abbiamo superato un confine, cerchiamo di stabilire lì la nostra casa. Ma basta poco, per accorgerci che altri recinti ci sono attorno a noi, che vanno verso l’alto, verso una comprensione maggiore… e allora dobbiamo rimetterci lo zaino in spalla, e ricominciare il cammino…
Masha’a Llah, che Allah guidi mio padre verso di Lui, mio padre che mi ha insegnato a camminare con pazienza e tenacia, accanto a lui, sui sentieri tortuosi che portano alle bellissime vette rosa delle Dolomiti. AMIN

Aysha umm Hamid – bint Emilio
www.alghurabaa-magazine.com
Unisciti a noi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *