Studiare scienze religiose in Arabia Saudita

Chi non sogna di imparare la lingua del Corano, che è la base della nostra religione, proprio nel Paese che è la culla dell’islam?

L’Arabia Saudita ogni anno offre attraverso le sue università borse di studio gratuite per studenti in scienze religiose del mondo intero. Il Paese ti accoglie e si occupa di te dandoti l’opportunità di studiare in uno dei seguenti istituti universitari: Medina, Mecca, Riyadh, Qassim, Abha etc.

Tutte queste università seguono il programma «minha», che è il programma del Ministero  dell’educazione saudita per offrire la possibilità alle persone esterne al Regno Saudita di studiare la religione e poi diffondere l’islam autentico presso la propria gente.

Che tu sappia già parlare l’arabo o no, le università hanno dei programmi adatti a tutti i livelli. Le persone che già conoscono l’arabo hanno accesso diretto ad una facoltà di scienze islamiche a loro scelta (fiqh, aqidah, hadith etc.) , mentre coloro che hanno bisogno di migliorare il proprio livello di arabo vengono invece direzionati verso un istituto di lingua araba.

Studiare in Arabia Saudita: come si fa

Prima di tutto bisogna redigere un dossier di ammissione o iscrizione che includa i seguenti documenti:

  • passaporto,
  • atto di nascita,
  • fedina penale vergine
  • ultimo diploma conseguito (maturità, laurea etc.) compresi di votazioni,
  • dichiarazione del medico di base attestante che non soffri di nessuna malattia contagiosa.

Tutta questa documentazione va ovviamente tradotta in arabo. Alcune persone pensano che occorra obbligatoriamente avvalersi di un traduttore certificato che ha un costo notevole (siamo intorno ai 30 euro per ogni documento) e prende molto tempo (minimo due settimane). In realtà non è affatto obbligatorio rivolgersi ad un traduttore certificato ed è possibile avvalersi invece di un traduttore qualsiasi che sia però competente nel proprio lavoro e affidabile.

E che Allah dia a tutte noi, ai nostri mariti e ai nostri figli una scienza utile, un rizq benefico e delle opere accettate!

Redazione
www.alghurabaa-magazine.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *