E ci sono dei musulmani che accettano di vivere senza Adhan?

Tra i benefici della permanenza in Paesi musulmani, c’è il fatto di poter ascoltare il richiamo alla preghiera, l’Adhan. Molte di noi avranno avuto l’occasione di ascoltare l’adhan dalla casa dei propri parenti o dei propri suoceri, in Egitto, Marocco, o in Algeria, se non, per coloro che sono state all’Umrah o all’Hajj, in Arabia Saudita. Si tratta di un’emozione unica e una delle principali e visibili (ma soprattutto udibili) differenze tra l’Italia o un altro Paese non musulmano e i Paesi islamici.

Un popolano saudita qualsiasi, venendo a sapere che nei paesi occidentali non si sente l’Adhan, chiese:

E ci sono dei musulmani che accettano di viverci?” talmente questa cosa era inverosimile per lui…

Il regalo più bello arrivò all’alba..
Il richiamo alla preghiera, sullo sfondo di un cielo rosa, mai visto prima e il Nilo, con le palme, che appena si intravvedeva.
Nascevo, rinascevo lì e in quell’istante. In una casa modesta, in un paesello contadino qualsiasi sulle sponde del Nilo: io e la mia anima, un brivido, una lacrima.

UmmRashid, “Dalle mie finestre: l’Egitto

Sappiamo molto bene quanta forza abbia il richiamo alla preghiera e quanto affascini anche i non musulmani, ma non tutte conosciamo i molti benefici che si possono trarre dall’ascoltarlo dal vivo.

Ecco qualche hadith per ricordare il grande favore che Allah ha accordato ai musulmani stabilendo per noi l’adhan, e che dimostrano che colui che non lo ascolta è davvero privo di numerosi benefici qui e nell’aldilà.

Se sapessero quanto merito possiede l’adhan…

• Da Abu Hurayra, il Messaggero di Allah alayhi assalat wa-s-salam ha detto: “Se gli uomini sapessero quanto merito c’è nel richiamo alla preghiera e nel [trovarsi nel]la prima fila, e non trovassero che il tiro alla sorte come mezzo per trovarvi posto, tirerebbero alla sorte. E se sapessero quanto merito c’è nel recarsi presto alla preghiera del mezzogiorno (Dhohr), si sorpasserebbero gli uni gli altri; e [quanto merito c’è] nella preghiera della notte e quella dell’alba, ci si recherebbero anche gattoni”. [Bukhari]

Vedrà perdonati i suoi peccati se ripete questo du’a dopo aver sentito l’adhan

• Sa’d Ibn Abi Waqqas (radiyaLlahu ‘anhu) rapporta che il Profeta (alayhi ssalat wa-s-salam) ha detto: “Colui che, dopo aver sentito il muezzin chiamare alla preghiera, ripete questa formula: “Testimonio che non c’è vero dio all’infuori di Allah, l’Unico, senza associati, e che Muhammad è il Suo servo e il Suo inviato, mi compiaccio di Allah come signore, di Muhammad come profeta, e dell’Islam come religione [ash-hadu an laa ilaaha illa-Llahu wahdahu laa shariika lah, wa anna Muhammadan ‘abduhu wa rasuluh, raditu biLlahi rabba, wa bi-Muhammadin rasula, wa bil Islami dina]” vedrà perdonati i suoi peccati”. [Rapportato da Muslim]

Otterrà l’intercessione del Profeta (sallaLlahu ‘alayhi wa sallam) dicendo questo du’a successivamente al richiamo alla preghiera

• Jâbir (radiyaLlahu ‘anhu) rapporta che il Messaggero di Allah (alayhi ssalat wa-s-salam) ha detto: “Colui che dopo aver sentito il richiamo alla preghiera, ripete questa formula: “O Allah, Signore di questo richiamo perfetto, e della preghiera che stiamo per compiere, accorda a Muhammad l’intercessione e la virtù e ponilo nel rango degno di merito che gli hai promesso [Allahumma rabba hâdhihi d-da’awati t-tammah, wa-s-salati-lqa’imah, ati Muhammadan-i-lwasilah, walfadilah, wab’ath-hu maqaman mahmoudan alladhî wa’attah], otterrà la mia intercessione il Giorno della Resurrezione”. [Bukhari]

Shaytan scappa per non sentire l’adhan mentre questo viene annunciato

• Abû Hurayra (radiyaLlahu ‘anhu) riportò che il Messaggero di Allah (alayhi-s-salat wa-s-salam) ha detto: “Quando il primo richiamo alla preghiera rintocca, Shaytan scappa per non sentirlo. Quando questo finisce invece ritorna. Quando il secondo richiamo alla preghiera [Iqâma] rintocca, Shaytan scappa e non torna se non verso la fine per sussurare nell’orecchio della persona et dirle: “Evoca questo, evoca quello” tanto che essa non si renderà nemmeno conto del numero di du’a che ha detto”. [Bukhari e Muslim]

(Ahadith tradotti dalla pagina facebook @Algerie Salafya)

Qui sotto, il video dell’Adhan della città di Constantine in Algeria

Redazione
www.alghurabaa-magazine.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *