Il Corano e i nostri bambini

Lo sappiamo tutte, il Corano è indispensabile nella nostra vita. Non solo nella nostra, ma anche in quella dei nostri bimbi! È importantissimo indirizzare il legame tra loro e Lui, e questo dalla più giovane età. Sì, ma come?

È molto semplice in realtà! Oggi qualche piccola idea benefica per poter creare questo legame e mantenerlo con il volere di Allah!

• Iniziare la giornata con il Qur’an
Mettiamo una recitazione del Qur’an ogni giorno, specialmente delle sure più piccole. Il bambino ascolterà quotidianamente e imparerà in modo indiretto. Sarebbe anche preferibile leggerlo, perché Shaytan venga allontanato dalla casa.

• Prendersi un po’ di tempo al giorno per leggere qualche pagina o un hizb (un sessantesimo del Corano).
Leggere spesso permetterà al bambino di vedere il legame tra il genitore e il Libro. Lo sappiamo: nostro figlio riproduce ciò che vede e rimane sempre imitativo verso mamma e papà!
Se amiamo il Corano, ciò farà sì che anche lui lo ami in shaa’Allah. E lasciamo sempre un Mushaf a disposizione, deve essere costantemente in bella vista e a portata di mano!

• Riposarsi con il Qur’an
All’ora della siesta, se riusciamo comunque a dormire, cerchiamo di mettere la recitazione di qualche sura. Anche i nostri figli, compresi quelli più piccolini, impareranno a rilassarsi con l’ascolto.

• Affidare ai bimbi il loro libricino
Offrire a nostro figlio una copia ridotta con le sure più piccoline, spiegandogli la cura che deve avere nei suoi confronti, permette di responsabilizzarlo. Sarà il suo libro, solo suo, e potrà utilizzarlo quando lo desidera. A seconda della sua età, potrà iniziare o meno a leggerlo, decifrarlo, rifletterci su. Incoraggiarlo può davvero motivare l’apprendimento.

• La ruqiya
Effettuare una ruqiya sul bambino la sera è molto utile. Da un lato lo proteggerà, e dall’altro lo faremo abituare a sentire delle sure che sicuramente riuscirà a imparare in questo modo in qualche settimana, in shaa’Allah.

• Addormentarsi con il Corano
Lasciare la registrazione di qualche sura mentre ci addormentiamo favoriscea memoria. Calmato dal Qur’an, il bambino si addormenterà facilmente e con il permesso di Allah addio incubi!

• La privazione del Corano
Testata e approvata, la privazione del Corano per il bambino è un’ottima cosa. Quando fa qualche marachella, privarlo del Qur’an come punizione confermerà la sua importanza, e se il suo amore per questo libro è già presente, la privazione avrà il suo effetto. Ovviamente, se non è ripetitivo e senza motivo.

L’ideale sarebbe applicare tutte queste idee al quotidiano, come una sorta di rito. Così il Corano farà parte della loro vita così come della nostra, in modo naturale e non condizionato.
Ma prima di questo, la cosa basilare è: se vogliamo che amino il Qur’an, amiamolo noi per prime

E per voi, care lettrici, che rapporto hanno i bimbi con la Parola di Allah? Che metodi utilizzate?

tradotto da Umm Sumeyya da Muslimette

www.alghurabaa-magazine.com

Umm Sumeyya

Sono Aisha, musulmana italiana, 15 anni. Appassionata di scrittura e fotografia, sognatrice e fantasiosa, amo ideare progetti per l'Islam e la comunità musulmana e realizzarli. Sono sempre in compagnia della mia inseparabile penna per annotare pensieri su carta appena mi vengono in mente. Gestisco la sezione giovanile del sito insieme alle altre Fatayat. Leggi anche un altro mio articolo: Caro diario, farò sentire la mia voce

4 pensieri riguardo “Il Corano e i nostri bambini

  • 30 marzo 2017 in 21:25
    Permalink

    Masha’Allah ottimi spunti. Jazakillahu khayran. I bambini non capiscono tutto quello che l’adulto puo’ capire leggendo una traduzione del Corano quindi, nella surah che il bambino sta imparando o ha appena recitato, prendiamo un po’ di tempo per tradurgli e spiegargli anche solo qualche frase che sia di grande impatto sul suo chore, come le descrizioni del Jannah, qualche specifica ammonizione da parte di Allah e soprattutto le storie che ci sono nel Corano. Crescere con queste storie e’ indispensabile per un bambino credente: mostrano il reale legame tra Allah e l’umanita’, catturano l’immaginazione e sono fantastiche alhamdulillah!

    Risposta
    • 3 aprile 2017 in 11:58
      Permalink

      Wa jazaki khair! Già, si può ad esempio tradurre alcuni termini e poi far “giocare” il bimbo ad identificarli e a ricordare il loro significato quando li ascolta in una recitazione o li legge… io lo faccio con la mia sorellina e le piace tanto ma shaa’Allah!

      Risposta
  • 2 aprile 2017 in 15:55
    Permalink

    assalamu alaikum

    “Ma prima di questo, la cosa basilare è: se vogliamo che amino il Qur’an, amiamolo noi per prime…”

    Allahul Musta’an!

    Jazakillahu khayran Umm Sumeyyah!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *