Donna musulmana e organizzazione quotidiana

Studiare, riordinare, insegnare, organizzare: sono tanti i campi in cui dobbiamo impegnarci come musulmane, come donne e come mamme. Riuscire a gestire il nostro tempo e le nostre giornate tra tutti i compiti che abbiamo è una vera sfida.

Oggi scopriamo insieme alcuni consigli importanti riguardo al nostro ruolo di donne e mamme musulmane.
Come possiamo organizzarci in modo da gestire la nostra quotidianità, le nostre relazioni e la nostra casa?

Una casa pulita e organizzata

Il tempo dedicato alla pulizia della casa e alle faccende deve essere controllato in modo da non essere né eccessivo né nullo, in modo che il lavoro sia piacevole e non stressante. Prima di fare qualsiasi altra cosa bisogna vivere in un ambiente pulito che stimoli la mente, non disorganizzato e confusionario.

La casa, nel suo arredamento e nel modo in cui viene tenuta, riflette il carattere e la personalità di chi la gestisce. Se ci si sforza di essere  pulite e precise,  la casa sarà un luogo confortevole e ordinato anche se i mobili e l’arredamento sono semplici e modesti.

Avere uno spazio in cui ritrovare la calma e rilassarsi, nonché un luogo di studio e lavoro, è benefico sia per la donna che per l’uomo e per i bambini.

Una dimora che si accordi alle esigenze della famiglia e sia ben tenuta favorisce la serenità e il comfort al suo interno e in più rende tranquilla e organizzata anche la pratica religiosa.

Casalinga stressata mai più!

E’ facile vedersi sempre sopraffatte dalle faccende di casa, se non si ha un piano di azione! Ci sono alcune semplici regole per ritrovare la propria organizzazione e per avere tempo per altro oltre che la casa, la famiglia ed eventualmente il lavoro. Ecco alcuni punti da applicare sempre!

– Andare a dormire ed alzarsi presto in modo da trovarsi cariche per qualsiasi attività;
Pianificare, creare to-do-list, trovare una motivazione e degli obiettivi generali e specifici per ogni giornata, settimana, mese e anno;
– Non perdere il proprio tempo in attività spezzettate e disperdenti, che né fanno riposare né fanno parte del tempo dedicato a se stesse e allo svago;
– Imparare a fissarsi solo gli obiettivi necessari e non quelli superflui, anche delegando quando ce n’è bisogno;
– Prendere buone abitudini facendo ogni giorno piccole faccende di pochi minuti che eviteranno l’accumulo del lavoro in seguito.

Organizzazione personale e doveri religiosi

Se spezzettare le attività ci rende più dispersive si può anche accorparle, per concentrarci su un progetto e portarlo a termine. Ad esempio, se venerdì vogliamo seguire un corso in moschea e sabato andare a trovare un’amica, possiamo fare le grandi pulizie il giovedì e avere poi due giorni in cui non ci sarà così tanto bisogno della nostra presenza attiva.

Ogni giorno ci si può ugualmente organizzare per dedicare una parte del tempo alla lettura e allo studio, sia su carta che su dispositivi elettronici.

Anche mentre si compiono faccende non impegnative o ci si dedica a hobby personali che non richiedano attenzione mentale, si possono ascoltare il corano o delle lezioni online, oppure si può fare il dhikr. In questo modo nessun secondo verrà sprecato e il tempo impiegato ad assolvere ai propri compiti non sarà un peso.

Che ne pensate dei consigli di oggi? Quali applicate già? Quali metodi di organizzazione utilizzate di cui non abbiamo parlato?
Scriveteci un commento qui sotto per dire la vostra!

Aisha umm Sumeyya
www.alghurabaa-magazine.com

Umm Sumeyya

Sono Aisha, musulmana italiana, 15 anni. Appassionata di scrittura e fotografia, sognatrice e fantasiosa, amo ideare progetti per l'Islam e la comunità musulmana e realizzarli. Sono sempre in compagnia della mia inseparabile penna per annotare pensieri su carta appena mi vengono in mente. Gestisco la sezione giovanile del sito insieme alle altre Fatayat. Leggi anche un altro mio articolo: Caro diario, farò sentire la mia voce

2 pensieri riguardo “Donna musulmana e organizzazione quotidiana

  • 18 settembre 2017 in 19:31
    Permalink

    Masha a Llah, jazaki Llahu khairan per questi veloci reminders….
    Quello che mi piacerebbe aggiungere, e fare – mai fatto finora! – è provare ogni sera a pensare – e per me grafomana vuol dire sicuramente anche scrivere.. – a cosa ho fatto di buono nella mia giornata, evidenziando momenti buoni e meno buoni…magari proponendo quests cosa, ogni tanto anche ai bimbi. Insha a Llah
    Umm Hamid

    Risposta
    • 18 settembre 2017 in 20:19
      Permalink

      Sì ma shaa’Allah, wa jazaki khair!
      Ma tante cose non le faccio nemmeno io astaghfirullah! Ma le scrivo e le annoto per ricordarmi di farle appunto! Anche se poche volte funziona…
      Con mia sorella lo faccio – anche se ora da un po’ di tempo non più di tanto – riguardo al comportamento, per vedere se si è comportata bene/male e in quali atteggiamenti ha sbagliato durante la giornata…
      Credo che sia utile imparare a riflettere sui propri errori per migliorarsi anche in shaa’Allah
      Fi amaniLlah

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *